Mieli d'Italia

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
HOME API AGRICOLTURA AMBIENTE Notizie - Api e pesticidi Problemi alle regine per gli sbalzi di temperatura o per i neonicotinoidi?

Problemi alle regine per gli sbalzi di temperatura o per i neonicotinoidi?

email Stampa PDF
30 settembre 2016

Diversi nuovi studi evidenziano inequivocabili effetti deleteri sulle funzioni riproduttive dei fuchi e delle regine.imidacloprid

La scarsa durata delle regine negli ultimi anni è una constatazione anche di molti apicoltori italiani. In più i problemi delle regine sono a monte di una parte importante della mortalità delle colonie.

Le condizioni delle spedizioni possono nuocere alle regine

Un recente lavoro dell'USDA coordinato da Jeff Pettis partiva dalla constatazione che negli ultimi anni negli USA le regine vengono sostituite con una frequenza senza precedenti. I ricercatori hanno osservato una bassa vitalità dello sperma contenuto nelle spermateche delle regine e ipotizzato che il problema possa dipendere dalle temperature estreme a cui hanno verificato che sono spesso sottoposte le regine durante il trasporto o a qualche altro fattore che riguarda i fuchi (Pettis et al., 2016, recensito su mieliditalia.it).

Residui di imidacloprid riducono la vitalità dello sperma nelle spermateche

Gli stessi ricercatori dell'USDA hanno recentemente, pochi mesi dopo il precedente, pubblicato un altro lavoro in cui hanno testato l'ipotesi che il neonicotinoide imidacloprid, i cui residui purtroppo si trovano spesso nelle varie matrici dell'alveare, possa ridurre la vitalità dello sperma contenuto nelle spermateche delle regine. Dagli esperimenti è risultato che l'esposizione a concentrazioni di 20 ppb di imidacloprid nel corso di una settimana ha ridotto ben del 50% la vitalità dello sperma nelle spermateche. Altri effetti osservati sono stati anche una riduzione dell'espressione di geni collegati con le funzioni detossificanti e immunitarie (Chaimanee et al., 2016).

Residui di clothianidin e thiamethoxam provocano la sostituzione delle regine a distanza di una stagione

Nel 2014 è uscito un nuovo studio coordinato dal gruppo di lavoro dell'Università di Berna. I ricercatori hanno somministrato alimento proteico con residui di clothianidin (2ppb) e thiamethoxam (5ppb) analoghi a quelli che si trovano nei pollini di colture trattate. Sono stati registrati prevedibili effetti a breve termine sulle famiglie che spaziano dalla riduzione delle api e della covata a quella della raccolta di miele e di polline. A tali effetti è comunque seguito un recupero nel medio termine e un normale svernamento. L'anno successivo però si sono manifestati effetti a lungo termine sulle regine, con il 60% delle regine delle famiglie esposte ai neonicotinoidi che sono state sostituite (Sandrock et al., 2014).

...altri effetti a breve termine sulle regine appena fecondate

Lo stesso gruppo di Berna ha quindi indagato gli effetti a breve termine sulle regine pubblicando nel 2015 un nuovo lavoro (Williams et al., 2015). I ricercatori hanno nutrito le colonie con supplementi proteici addizionati con 1ppb di clothianidin e 4ppb di thiamethoxam e utilizzandole come starter/finisher per l'allevamento di celle reali. Ne è risultato che a quattro settimane dallo sfarfallamento una frazione significativamente minore delle regine allevate dalle colonie esposte ai neonicotinoidi era viva e deponeva correttamente producendo operaie vitali. Le regine esposte ai neonicotinoidi presentavano inoltre meno spermatozoi e meno vitali.

...ulteriori effetti sui fuchi

Gli stessi ricercatori svizzeri hanno quindi rivolto la propria attenzione agli effetti sui fuchi. Le colonie sono state preparate in modo simile, in questo caso nutrendo la tesi trattata con alimento proteico contenente 4,5 ppb di thiamethoxam e 1,5 ppb di clothianidin. I fuchi delle colonie esposte ai residui di pesticidi hanno presentato durata di vita e soprattutto quantità di sperma vitale significativamente minori (Straub et al., 2016).

Le nuove evidenze dell'impatto dei neonicotinoidi sulla salute riproduttiva delle regine e dei fuchi,  che mina alla base la vitalità delle colonie, possono potenzialmente spiegare, insieme agli altri già noti effetti sub-letali, l'importante aumento della mortalità delle api che si registra negli ultimi anni. Si tratta peraltro di effetti subdoli perché si presentano a distanza di tempo dall'esposizione a dosi di pesticida che spesso passano inosservate all'apicoltore.

Imidacloprid, thiamethoxam e clothianidin sono tre delle quattro molecole per le quali la commissione Europea ha sospeso alcuni utilizzi, consentendo però a svariati utilizzi che espongono ancora le api e gli impollinatori selvatici a danni inaccettabili.

Riferimenti

Chaimanee, Veeranan, Jay D. Evans, Yanping Chen, Caitlin Jackson, e Jeffery S. Pettis. «Sperm viability and gene expression in honey bee queens (Apis mellifera) following exposure to the neonicotinoid insecticide imidacloprid and the organophosphate acaricide coumaphos». Journal of Insect Physiology 89 (giugno 2016): 1–8. doi:10.1016/j.jinsphys.2016.03.004.
Pettis, Jeffery S., Nathan Rice, Katie Joselow, Dennis vanEngelsdorp, e Veeranan Chaimanee. «Colony Failure Linked to Low Sperm Viability in Honey Bee ( Apis mellifera ) Queens and an Exploration of Potential Causative Factors». PLOS ONE 11, n. 2 (10 febbraio 2016): e0147220. doi:10.1371/journal.pone.0147220.
Sandrock, Christoph, Matteo Tanadini, Lorenzo G. Tanadini, Aline Fauser-Misslin, Simon G. Potts, e Peter Neumann. «Impact of Chronic Neonicotinoid Exposure on Honeybee Colony Performance and Queen Supersedure». PLOS ONE 9, n. 8 (1 agosto 2014): e103592. doi:10.1371/journal.pone.0103592.
Straub, Lars, Laura Villamar-Bouza, Selina Bruckner, Panuwan Chantawannakul, Laurent Gauthier, Kitiphong Khongphinitbunjong, Gina Retschnig, et al. «Neonicotinoid Insecticides Can Serve as Inadvertent Insect Contraceptives». Proc. R. Soc. B 283, n. 1835 (27 luglio 2016): 20160506. doi:10.1098/rspb.2016.0506.
Williams, Geoffrey R., Aline Troxler, Gina Retschnig, Kaspar Roth, Orlando Yañez, Dave Shutler, Peter Neumann, e Laurent Gauthier. «Neonicotinoid Pesticides Severely Affect Honey Bee Queens». Scientific Reports 5 (13 ottobre 2015): 14621. doi:10.1038/srep14621.
 


logoriftec1