Got 0 bytes response, method=default Response decode error  Contributi e notizie sull’interazione dei pesticidi con api e insetti impollinatori.
 

Mieli d'Italia

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
HOME API AGRICOLTURA AMBIENTE Notizie - Api e pesticidi
Contributi e notizie sull’interazione dei pesticidi con api e insetti impollinatori.

Il neonicotinoide imidacloprid e la memoria di Apis cerana

email Stampa PDF
2 luglio 2015

imidaclopridUno studio appena pubblicato fornisce nuove evidenze a supporto dei precedenti lavori che dimostravano che dosi subletali di imidacloprid, un insetticida neonicotinoide ostacolano l'apprendimento olfattivo delle operaie di api asiatiche (Apis cerana).

 

Ricerca USA: pesticidi classificati sicuri per le api danneggiano gli impollinatori selvatici

email Stampa PDF
24 giugno 2015

bombo 3ITHACA, NY - Un nuovo studio della Cornell University nelle piantagioni di meli dello stato di New York meleti evidenzia i danni dei pesticidi per gli impollinatori selvatici, ed anche fungicidi etichettati "sicuri per le api" possono anche indirettamente minacciare gli impollinatori autoctoni.

La ricerca, pubblicata il 3 giugno sulla prestigiosa rivista Proceedings of the Royal Society B, evidenzia che gli effetti negativi dei pesticidi sugli impollinatori selvatici si riduce proporzionalmente alla presenza di aree naturali nei pressi dei frutteti.

 

Firma anche tu la petizione per la difesa delle api!

email Stampa PDF
30 maggio 2015

bayer senza api non c e futuroUnaapi invita gli apicoltori e la cittadinanza tutta a unirsi alla petizione indirizzata alle multinazionali agrochimiche, proposta da Salviamo la Foresta:

"Le api sono indispensabili per la vita sulla terra e non possono essere in pericolo a causa dei pesticidi. Accettate la messa al bando degli insetticidi del gruppo dei neonicotinoidi e del Fipronil, non continuate la loro produzione e ritirate le denunce contro l'Unione Europea. Per favore, astenetevi dal presentare campagne pubblicitarie con messaggi ambigui, sulle api e sui pesticidi, così come segnalato da organizzazioni ambientaliste (1)".

I pesticidi uccidono le api, il loro numero si sta riducendo in tutto il mondo. Per questo, l'Unione Europea ha proibito alcuni insetticidi di Bayer, BASF e Syngenta. Le tre aziende negano la loro responsabilità nella morte delle api.

Per favore, firmate la petizione e difendete le api.

 

Cina senza api. Cina senza mele?

email Stampa PDF
28 maggio 2015

china pollinationIn Cina la moria degli insetti pronubi sta mettendo in ginocchio l’economia delle aree rurali; ormai l’impollinazione degli alberi da frutto, è effettuata a mano da vere e proprie squadre di impollinatori. Un recente articolo ha ripercorso le tappe di questo disastro ambientale.
I 200.000 alberi della contea cinese di Maoxian sono in fiore ma non ci sono api pronte a raccogliere la loro offerta di polline e nettare. Gli insetti in questo angolo di est da anni hanno da anni abbandonato i 6437 ettari di colture specializzate, un disastro ambientale che fatto crollare l’economia per di più di 90.000 persone.

 

Lombardia: alveari sterminati a giugno

email Stampa PDF

aggiornato il 24 giugno 2015

Dopo la recrudescenza di spopolamenti e morie d'api nei mesi di aprile e maggio 2015 dobbiamo ora dare notizia di una gravissima mortalità di un intero apiario, su raccolto di erba medica in giugno nel Comune di Torremenapace in Provincia di Pavia.  

L'apicoltore e Tecnici di Apilombardia e hanno constatato lo stato disastroso di ben 70 alveari: bottinatrici morte sul fondo dell'arnia, nelle cellettesull'erba e davanti al predellino. I sintomi e il comportamento delle api indicano come più probabile una intossicazione da pesticidi più che un atto vandalico.  I melari ovviamente non erano presidiati e i favi del nido coperti di poche api quasi immobili.  Sono stati allertati Asl, servizio SPIA di Beenet e Regione Lombardia; e si è proceduto a prelevare campioni. Intorno all'apiario campi di medica, pomodoro e mais in semina tardiva.  

Vedi il servizio del TG5 e anche: video de La Provincia Pavese  e  TgCom24

 

Proteste alla Assemblea Annuale degli Azionisti della BAYER

email Stampa PDF
23 giugno 2015

image001Durante l'Assemblea Annuale degli Azionisti della BAYER, a Colonia (Germania), 26 azionisti critici hanno preso la parola su argomenti come i pesticidi, le pillole contraccettive pericolose, l'inquinamento da plastica, la guerra chimica e gli esperimenti sugli animali.

Ulteriori informazioni sui pesticidi dannosi per le api, sul sito della Coalizione contro i pericoli derivanti dalla Bayer

 

 

Se l'agricoltura moderna non può sostenere le api, per quanto tempo potrà sostenere noi?

email Stampa PDF

vietato pesticidiLe nostre api e ampi ecosistemi agricoli sono stati gravemente danneggiati dai neonicotinoidi - scrive Dave Goulson, nell’articolo che qui riportiamo tradotto in italiano. Ma questo è solo l'inizio del danno che l'agricoltura moderna sta facendo agli animali in un paesaggio spogliato dai fiori selvatici e cosparso da cocktails di pesticidi. Il problema non sono solo i neonicotinoidi, ma l'intero modello di agricoltura industriale.

 

Spopolamenti su semina di mais, ancora!! E' un incubo!

email Stampa PDF
aggiornato 26 aprile 2015

moria maisIn notevole estensione l'area delle morie d'api. Dopo le prime segnalazioni, in coincidenza con le semine del mais, di primi e forti spopolamenti in molti apiari in Lombardia, Emilia e Veneto il fenomeno tocca ora anche il Friuli.

Queste le zone: provincie di Belluno, Treviso e Vicenza in Veneto, pianura friulana, provincia di Piacenza in Emilia, varie località nel pavese, nel magentino, nel cremonese e nel bergamasco in Lombardia.

Salvo un apiario sulla prima collina oltrepadana (pugni di api morte), tutti gli altri sono in zona mais (dove sono in corso semine o con piantine già in fase di emergenza), presentano poche api morte ma molte tremolanti. Dagli apiari del Veneto viene segnalata una apparente ripresa delle famiglie, se spostate in altri areali, dopo la "botta" nei primi giorni di aprile.

Rispetto al 2014 il terreno ai primi di aprile era secco e nelle operazioni di semina si alzavano grandi polveroni. Si spera che le piogge del 26/4 contribuiscano ad attutire la contaminazione di polveri e aria, e soprattutto la sua imprevedibile diffusione ed effetti.

 


Pagina 4 di 46


logoriftec1