Mieli d'Italia

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
HOME APICOLTURA E ISTITUZIONI Notizie - Istituzioni e apicoltura
Contributi e notizie su atti o decisioni istituzionali inerenti l’apicoltura.

API IN COMUNE

email Stampa PDF
2 giugno 2016

immagine promo api in comuneIl prossimo 21 giugno, il Teatro Franco Parenti di Milano ospiterà l'iniziativa "API IN COMUNE - Salviamo le api per salvare il Mondo. Scienza e conoscenza s’interrogano: è sostenibile l’odierna agricoltura intensiva?".

Una giornata con eventi d’informazione e confronto sull'attuale modello di produzione del cibo, promossa da Unaapi, Conapi e Bee Generation, con il patrocinio del Comune di Milano.

Segui gli aggiornamenti sulla Pagina Facebook dedicata
 

Questionario Crea-Api sul servizio di impollinazione

email Stampa PDF
30 novembre 2015

api volo.jpgIl CREA-API, in collaborazione con diverse istituzioni di ricerca europee, ha predisposto un questionario da distribuire agli apicoltori, per acquisire informazioni sulle problematiche legate al servizio di impollinazione con le api. In particolare viene chiesto quali sono le colture e/o le piante spontanee vicino a cui si preferise installare un apiario e quali sono le principali criticità del servizio di impollinazione. Il sondaggio è promosso nell’ambito del progetto europeo Super-B con l'obbiettivo di indirizzare le future politiche europee verso una gestione del territorio più attenta nei confronti delle api e di tutti gli impollinatori.

 

Se l'apicoltura italiana ha la febbre, ha senso distruggere un termometro?

email Stampa PDF

19 giugno 2015

IL RIORDINO DEL CRA E L’APICOLTURA ITALIANA

Nell’ambito della ristrutturazione dei centri di ricerca agricola del CRA è stata delineata una prospettiva assai negativa per l'apicoltura italiana con l’ipotesi di accorpamento del CRA-api all’Istituto di entomologia agraria, e conseguente spostamento dello stesso a Firenze. Tale prospettiva equivarrebbe nei fatti allo scioglimento dell’unità di ricerca apistica. Il cambio di sede di oltre 100 Km consente ai dipendenti, infatti, di richiedere il trasferimento in altra sede pubblica d’impiego, più prossima alla loro residenza. Diritto di cui è assai probabile si avvarrebbero i dipendenti del CRA-api.
Questa prospettiva ha preoccupato profondamente l’apicoltura italiana perché significherebbe perdere l’ultimo centro di ricerca apistica, dopo la chiusura in anni recenti dei centri di Firenze e di Roma.
Per questo Osservatorio Nazionale Miele, Unaapi, Conapi e Aapi si sono immediatamente attivati sia con il Mipaaf e sia con lo stesso Commissario Dott. Salvatore Parlato per evitare questa eventualità sottolineando le criticità vecchie e nuove che il settore vive e il bisogno di mantenere e rafforzare le capacità di ricerca. Possiamo ora, con soddisfazione, salutare e comunicare le rassicurazioni che il Commissario Parlato ha fornito in merito.
Desideriamo esprimere al Dott. Salvatore Parlato e al viceministro Andrea Olivero un vivo ringraziamento per la sensibilità mostrata e per l’impegno a perseguire comunque gli obiettivi di razionalizzazione e ottimizzazione, evitando comunque lo smantellamento della importante struttura. Ci dichiariamo fin d’ora disponibili a dare il nostro contributo concreto affinché l’attività del CRA-API sia ancor più rispondente alle esigenze di tutela e sviluppo del settore apistico.

Osservatorio Nazionale Miele - Unaapi -  Conapi - Aapi

 

Apimondia 2015 in Corea, andiamoci insieme!

email Stampa PDF
27 aprile 2015

apimondia coreaA settembre, il Mondo apistico si riunisce a Daejon (Corea), in occasione del 44° Congresso Internazionale di APIMONDIA

Unaapi intende promuovere e agevolare la partecipazione italiana con una proposta di viaggio pensata in collaborazione con l'agenzia Colony Viaggi.

Se non vuoi perderti l'evento internazionale apistico dell'anno, comunica la tua adesione entro il 30 maggio. Il viaggio verrà confermato una volta raggiunta la quota minima di partecipanti.

Ecco la nostra proposta di viaggio!

 

Origine dei mieli di importazione

email Stampa PDF
16 dicembre 2015

Council of EUNella riunione del 14 dicembre 2015 del Consiglio di Europa è stata presentata una nota a firma dell'Ungheria, Bulgaria, Repubblica Ceca, Polonia e Slovenia, con la quale si richiedono misure più restrittive in merito all'indicazione dei paesi di  origine nell'etichettatura dei mieli di importazione.

Nella nota (trovate qui la traduzione a cura di Unaapi), a fronte della massiccia presenza sul mercato di ingenti quantità di prodotto di importazione extra-Ue, con prezzi che nulla hanno a che fare con i costi di produzione europei, si chiede maggiore trasparenza nel far conoscere al consumatore la reale origine del prodotto.

Pertanto viene richiesto di estendere a tutti i paesi europei l'obbligo, attualmente in vigore solo in Italia, di indicare, nel caso di miscele di mieli, l'esatto elenco dei paesi di provenienza dei singoli mieli.

 

Dagli apicoltori: proposte concrete al Mipaaf

email Stampa PDF
18 agosto 2015

Olivero ExpoIl vice ministro del Mipaaf Andrea Olivero ha organizzato un importante incontro il 20 Luglio all’Expo, Palazzo Italia: “Strumenti di sostegno per l’apicoltura italiana. Istituzioni e stakeholder a confronto” (consulta il programma)

I vari contributi hanno affrontato le diverse problematiche che richiedono scelte e politiche urgenti e concertate.
Unaapi, Conapi e Osservatorio Miele hanno presentato un documento unitario con una serie di proposte concrete e fattibili per il sostegno all’apicoltura, con spesa limitata se non nulla.

 

Lettera degli apicoltori al Vice Ministro Mipaaf Andrea Olivero

email Stampa PDF
18 maggio 2015

20150518 pecUnaapi e Conapi hanno chiesto congiuntamente al Vice Ministro delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, Sen. Andrea Olivero, di adoperarsi per attivare urgentemente, di concerto con il Ministero della Salute, un’adeguata indagine scientifica per meglio individuare prodotti e pratiche d’impatto ambientale inaccettabili, e predisporre immediatamente misure precauzionali che garantiscano il non ripetersi di disastrosi effetti biocidi connessi alla gestione delle coltivazioni tutte nel nostro Paese.

Leggi la lettera inviata lo scorso 13 maggio

 

Bee Life: nel 2015 la sfida continua!

email Stampa PDF
6 febbraio 2015

immagine promo orizzontale

Bee Generation, grazie anche al tuo supporto e sostegno, e con il pieno appoggio di Unaapi, Aapi e Conap ha chiuso in positivo il primo anno della campagna Bee Life (superando il traguardo di 80.000€ e mandando 50.000€ per le attività a Bruxelles di Bee Life Coordinamento Apistico europeo!)

Abbiamo inoltre raggiunto un altro traguardo. Le api, anche pubblicamente iniziano a essere riconosciute come anello indispensabile del ciclo della natura; meglio di qualsiasi nostra agenzia ambientale, testimoniano l’inaccettabile degrado ambientale e cosi facendo si presentano come sentinelle della fertilità dell’agricoltura.

 

 
  • «
  •  Inizio 
  •  Prec 
  •  1 
  •  2 
  •  3 
  •  4 
  •  5 
  •  6 
  •  7 
  •  8 
  •  Succ 
  •  Fine 
  • »


Pagina 1 di 8