Mieli d'Italia

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
HOME SANITA' DEGLI ALVEARI
Contributi e notizie riguardanti la sanità degli allevamenti apistici

Batteri associati alla varroa degradano l'acido ossalico: possibile meccanismo di resistenza?

email Stampa PDF
31 agosto 2015

varroa trofallassiUn nuovo lavoro dell'Università della Florida ha evidenziato un possibile meccanismo di resistenza della varroa all'acido ossalico: l'acaro avrebbe sviluppato una relazione mutualistica con ceppi batterici in grado di metabolizzare l'acido organico e quindi di proteggerlo dall'azione acaricida.

 

Belgio: abbondante trasmissione di virus negli allevamenti di api regine

email Stampa PDF
24 agosto 2015

reginaMossa dal basso successo dell'allevamento di api regine, una ricerca ha evidenziato la frequentissima trasmissione verticale di numerosi patogeni dalle regine utilizzate come riproduttori.

 

L'acido ossalico per il controllo di Nosema ceranae

email Stampa PDF
19 agosto 2015

nosema ceranaeUna nuova ricerca pubblicata su Research in Veterinary Science evidenzia effetti positivi sulla nosemosi di tipo C (da Nosema ceranae) di una formulazione a bassa concentrazione di acido ossalico.

 

Hopguard: verso l'AIC europea per l'acaricida derivato dal luppolo

email Stampa PDF
2 luglio 2015

luppoloVita Europe fa sapere che proseguono i test in Europa del nuovo farmaco varroacida HopGuard, da alcuni anni sul mercato USA, in vista dell'ottenimento dell'autorizzazione all'immissine in commercio (AIC) europea.

 

Vespa velutina in Provincia di Alessandria

email Stampa PDF
 22 aprile 2015

vespa piemonteIl DISAFA dell'Università di Torino ha comunicato il ritrovamento di un esemplare di Vespa velutina nel Comune di Gavazzana, nella parte sud della provincia di Alessandria. 

L'accertamento di un esemplare del temibile calabrone asiatico è stato conseguente all'analisi del contenuto di una trappola per V.velutina consegnato il 30 settembre all'Università da parte di un rilevatore aderente ad Aspromiele. 

 Il dato è particolarmente preoccupante poichè conferma l'avanzata -incontrastata o inarrestabile? - della colonizzazione da parte del pericoloso predatore delle api in Italia.

 


Pagina 6 di 31


logoriftec2